Sul mio Instagram non ci sono gattini

bolla informativa

A me sembra che tutti a questo mondo facciano il mio stesso lavoro, mi spiego meglio se apro Instagram e scorro la home vedo solo persone che si dedicano al marketing e al web design, eppure sono abbastanza certa che non facciamo tutti lo stesso lavoro; c’è chi fa il medico, chi fa il commesso, ci sarà qualcuno che fa il veterinario, qualcuno farà il controllo qualità eppure a me sembra che tutte le persone che vedo su Instagram facciano il mio stesso lavoro.

Come mai succede questo?

Bene, questo è causato da informazione selettiva e bolla informativa e non ultimo individualismo di rete!

E cosa sono tutte queste cose?

Adesso te li spiego, uno ad uno, con parole terra a terra, ma sappi che ci sono lunghi studi sociologici alle spalle di questi tre termini.

Informazione Selettiva: non è una cosa nuova anzi, l’informazione selettiva è la nostra inconscia capacità di esporci sempre a informazioni che la “pensano come noi” per capirci; se ho un orientamento politico di sinistra acquisterò giornali, seguirò programmi e leggerò post che andranno a sostenere quello che già penso, allo stesso modo se il mio orientamento politico è a destra andrò ad interfacciarmi con altrettanti fonti informative e comunicative che sostengono le mie tesi. 

Cosa c’entra questo col fatto che su Instagram trovo tutti uguale a me? Beh questo perché io mi espongo alle informazioni che mi interessano e che confermano il mio pensiero, tipo: “il mio lavoro è utile, si vedi il marketing è utile ci sono tante persone che fanno marketing”, “il mio lavoro è utile, faccio il veterinario mi piacciono gli animali, guarda a quante altre persone piacciono gli animali, ecco vedi piacciono proprio a tutti”

E poi magari non è così! Io ad esempio sono allergica ai gatti e non vedo mai gatti nella mia home di Instagram o nell’esplora perché non mi piacciono quindi io non sono esposta ai video di gatti.

Questo vuol dire al contempo che il mondo che vedi tu non è lo stesso che vedo io, insomma se a te piacciono i gatti vivrai in un mondo digitale dove ci sono tanti gatti e penserai che a tutti compaiano tanti gatti ma non è così, nel mio caso zero gatti!

E quindi possiamo iniziare a parlare anche di bolla, perché ognuno di noi vive nel digitale nella propria bolla vede ciò che gli piace, va a cercare ciò che gli interessa, potrebbe anche convincersi che tutto il mondo la pensa come lui/lei, ma non è così la realtà è molto molto più varia.

Sempre facendo esempi semplici terra a terra, se tu sei un appassionato di gatti a cui piace il colore azzurro che adora le sciarpe fatte a maglia avrai messo mi piace a tutte queste pagine e continuerai ad essere contornato da queste cose che è vero ti piacciono, ma se la tua bolla non fosse così chiusa potresti capire che c’è qualcosa che ti piace ancora di più come ad esempio i cuccioli di ippopotamo, ma tu non li vedi i cuccioli di ippopotamo perché ancora non sai che ti piacciono e non l’hai detto a nessun algoritmo che ti piacciono e quindi  nessuno te li mostra….

Come fai a far comparire ad esempio nella sezione esplora i cuccioli di ippopotamo?  

Dovrai non limitarti a mettere mi piace alle pagine dei gattini, ma dovrai mettere mi piace a tutte le pagine di animali in questo modo ampli le tue preferenze agli occhi di Instagram e Instagram sarà portato a mostrarti più contenuti diversificati rispetto alle tue tre preferenze principali.

Per quanto riguarda questo parolone “individualismo di rete” preferisco non soffermarmi perché è un concetto abbastanza complicato a livello sociologico, ci tengo tuttavia a precisare che non si parla di egoismo o egocentrismo, ma è il culmine di quello che ho descritto prima. Quindi con individualismo di rete si intende il fatto che ciascuno di noi vive in un mondo della rete totalmente diverso da quello di ciascun altro!

Quindi ricordati sempre che se vuoi un informazione più consapevole devi andarla a cercare fuori dalle tue certezze, fuori dalle tue preferenze e magari fuori dai social media…

Perché ti racconto queste cose?

Perché credo sia importante che ognuno di noi utilizzi i social media con consapevolezza e la consapevolezza di sapere che il mondo digitale che mi circonda non è lo stesso mondo digitale che circonda la persona che ho di fianco non è una consapevolezza scontata bensì una nozione da acquisire.